rotolo di frittata vegetariano | crema pasticcera con due uova | zuccotto gelato misya | rotolo frittata vegetariano | Amaretti morbidi misya | conchiglioni ripieni | flan parisien bimby
Login

Accedi per ricette999 per salvare le tue ricette preferite

Se non sei ancora registrato, registrati ora!

Password Dimenticata?

Ingredienti » Cipolle 100 gr » Carote 50 gr » Sedano 70 gr » Porri 50 gr » Champignon 30 gr » Salvia 30 gr » Rosmarino 2 rametti » Lauro 1 foglia » Aglio 2 spicchi » Vino Bianco 1 l » Pomodoro 1 » Pepe Nero 10 grani » Coniglio 500 gr di ossa » Acqua 3 l » Sale q.b. Preparazione: Cuocere le ossa del coniglio in forno a 200° per circa un'ora, unire poi i funghi, cipolla, carote, sedano, porri a cubetti e cuocere per 15 minuti a 180°. Quando le verdure sono ben dorate metterle in una pentola, unire il fondo di cottura del coniglio, gli odori, il pomodoro, l'acqua e far sobbollire fino a che non sarà ridotto ad un terzo. Filtrare infine il brodo con un tovagliolo bagnato e farlo ancora restringere per raggiungere la giusta densità.

Fonte: ricettemania.it

Ingredienti » Aglio 2 spicchi » Basilico 15 gr » Pomodori San Marzano 150 gr » Spaghetti 480 gr » Grana 100 gr » Olio D'oliva q.b. » Sale q.b. » Pepe Bianco q.b. Preparazione: Scaldare un filo d'olio in una padella, unire l'aglio e farlo dorare, poi togliere gli spicchi e aggiungere il basilico e la polpa dei pomodori a cubetti. Quindi condire con sale e pepe e lasciar cuocere per circa 3 minuti in modo che i pomodori sentano il calore. Cuocere in acqua bollente salata gli spaghetti, scolarli al dente e farli saltare per qualche minuto in padella con il sugo. Servire con un filo di olio crudo e qualche foglia di basilico.

Fonte: ricettemania.it

Ingredienti » Pasta Sfoglia 350 gr » Pollo 250 gr » Peperoni 150 gr » Basilico 20 foglie » Olio D'oliva q.b. » Sale q.b. » Pepe q.b. Preparazione: Stendere la sfoglia in un rettangolo. Disossare il pollo e tagliarlo a fette, quindi metterlo al centro del rettangolo per il lungo, poi coprire con i peperoni rossi precedentemente arrostiti, condire con sale e pepe e cospargere con foglie di basilico. Arrotolare la pasta sfoglia formando appunto uno strudel, cuocerlo in forno per 25 minuti a 220°. A cottura ultimata farlo raffreddare e servirlo tagliato a fette.

Fonte: ricettemania.it

Ingredienti » Pasta All'olio 300 gr » Carciofi 500 gr » Stoccafisso 200 gr » Prugne 100 gr » Aglio 2 spicchi » Menta 1 rametto » Lardo 1 pezzo » Farina q.b. » Olio D'oliva q.b. » Sale q.b. » Pepe q.b. » Besciamella q.b. Preparazione: Scottare i carciofi in acqua e aceto, quindi scolarli e farli saltare poi in padella con olio, aglio, menta e lardo. Prendere un terzo dei carciofi e passarli nel mixer riducendoli in crema; foderare uno stampo rotondo da 24/26cm con la pasta all'olio a cui è stata mescolata la crema di carciofi, fare uno strato con i carciofi poi coprire con lo stoccarfisso, quindi versare della besciamella e coprire con una griglia di pasta. Cuocere questa torta di carciofi in forno a 160° per circa 20 minuti.

Fonte: ricettemania.it

Ingredienti per la zuppa » Broccoletti 300 gr » Aglio 2 spicchi » Brodo Vegetale 4 l » Salsiccia 100 gr » Cime Di Broccoletti 80 gr » Olio D'oliva q.b. » Sale q.b. » Peperoncino q.b. Ingredienti per la pizza » Farina 500 gr » Uova 1 » Sale 10 gr » Malto 5 gr » Zucchero 1 pizzico » Lievito 5 gr » Acqua q.b. Preparazione: Sbollentare in acqua salata i broccoletti, versarli scolandoli in una padella con olio, aglio e peperoncino; farli cuocere aggiungendo un pochino di brodo, poi passare il tutto al setaccio in modo da ottenere una zuppa. Passare anche la salsiccia al setaccio e poi incorporarla alla zuppa; far raffreddare infine il tutto mettendola su un letto di ghiaccio. Per la pizza sciogliere il lievito in acqua tipieda, impastare la farina con questi e unire il resto degli ingredienti. Ottenuto un impasto omogeneo, farlo riposare per 15 minuti, poi stenderlo ad uno spessore di 2cm. Cuocere la pizza nel caminetto sopra ai carboni ardenti ricoprendola con la brace. Tagliarla infine a piccoli triangoli, coprirla con della salsiccia e servirla accompagnando la zuppa; completare con una julienne di cime di broccoletti e un filo di olio.

Fonte: ricettemania.it

Ricetta: lessare della patate preferibilmente a pasta bianca. bollire a parte del latte e mantecare come fosse panna con una noce di burro e noce moscata.TUT...

Sono super impegnata in questo periodo, specialmente da oggi; la mia mamma-chef mi ha mollato da sola in cucina (per la seconda volta questa stagione anche se per motivi importanti). E' difficile guidare una cucina, anche se in piccolo, e io ce la sto mettendo tutta. Questa è un pò la prova del nove; dall'anno prossimo, molto probabilmente me la dovrò cavare da sola. Si dice che ad un certo punto nella vita si ha voglia di cominciare a prendere le decisioni da soli, si ha voglia come dice Maurice di camminare con le proprie gambe, di diventare grandi. Io di mettermi tutte quelle responsabilità sulle spalle non avrei fretta. Mi piace poter arrivare in ritardo al lavoro ogni tanto, e mi piace non dover essere io l'ultima che chiude la porta. Mi piace perdermi tra le riviste di cucina in cerca di un'ispirazione... o perdere una mattinata a decorare una torta. Non mi piace dare ordini, ne essere quella che deve controllare tutto. Insomma io sono ancora una cuoca bambina, che ha tanto da imparare e che di voglia di imparare ne ha tanta. Leggo sempre i blog degli altri cuochi, per confrontarmi, per crescere. Facendo un giro per il Bistrot ho scoperto con piacere, che, non so quando, Maurice aveva inserito il mio Blog tra i suoi Link sotto la voce Colleghi. Dirigere una cucina è molto impegnativo e so che dovrò rinunciare a qualche piccolo piacere della vita. Però che soddisfazione trovare il mio nome sotto a quello di Vissani. :) (E pazienza che il collegamento non porta proprio alla mia pagina ;) Tonno semicrudo al sesamo Questa è un'altra idea rubata ad amuses bouche . Non dico ricetta perchè è proprio semplice da fare. Si taglia il tonno a cubetti, si infilza ogni cubetto con uno stuzzicadenti e si appoggia su un piattino con il sesamo in modo che questo si attacchi solo da un lato. Si scalda dell'olio d'arachidi e vi si frigge il tonno solo da una parte per pochi secondi. Si serve con della salsa di soia ma è altrettanto buono con qualche goccia di limone.

Fonte: giovannacaramelle.blogspot.com

Stamattina mi sono svegliata con la voglia di preparare questa passatina, avevo una fetta di zucca da consumare al più presto ma non volevo fare la solita vellutata, ho pensato subito di unirla ai ceci e aggiungere i gamberi, come nella classica passatina di Vissani, rifatta ormai in ogni cucina, sia di casa che da ristorante. Ho fatto la mia versione, che di sicuro non è una scoperta, ma vi assicuro che con semplicità questo piatto vi farà felici, delicata e consistente, ricca e gustosa, è una vera delizia, da proporre anche ai vostri ospiti come entrata di una cena raffinata. Ingredienti per 2 1/2 cipolla bianca 300 gr zucca pulita 1 scatola ceci 1 patata 1 l brodo vegetale 2 cucchiai olio evo 1/2 cucchiaino curry Sale e pepe q.b. 10 gamberi col guscio 1 cucchiaio olio 1 spruzzata di rum bianco Tagliate a cubetti la zucca, tritate la cipolla, pelate e tagliate a cubetti la patata, sciacquate i ceci dal loro liquido. Scaldate 2 cucchiai di olio in una pentola, rosolate la cipolla, aggiungete la patata, la zucca e i ceci, salate e pepate, infine unite il brodo e il curry. Abbassate la fiamma, coprite con un coperchio e cuocete per circa 25/30 minuti, ogni tanto controllate la cottura e se necessario aggiungete acqua. Sciacquate i gamberi, scaldate 1 cucchiaio di olio in un tegame, versate i gamberi, salate e pepate, quando cominciano a sfrigolare bagnateli con il rum e infiammate il liquido con un accendino, toglieteli dal fuoco ed sgusciateli. A cottura ultimata passate con un mixer le verdure, servite la passatina nei piatti e al centro mettete 5 gamberi, completate con un giro di olio.

Fonte: lacuocainviola.blogspot.ch

«Un abbinamento originale se non azzardato, ma il gusto è ottimo ». Così lo descrivono gli stessi creatori, Luca Sivelli, 18 anni di Gessate (Milano), e Alberto Suardi, 19, di Treviolo, studenti al quinto anno (indirizzo ristorativo) dell’istituto Alberghiero di San Pellegrino. Con il professore di cucina Carlo Calvetti hanno messo a punto un gelato allo Strachitunt Dop, ricetta che ha conquistato il quarto posto assoluto su 31 partecipanti (e primo tra le scuole) al concorso del gelato artigianale bergamasco indetto da Artglace (la Confederazione internazionale dei gelatieri) in occasione della Giornata europea del gelato artigianale. Tanto è piaciuto – non solo alla giuria del concorso – che il gelato si appresta a uscire dal cucina scolastica dell’Alberghiero per diventare «promoter» del formaggio che recentemente ha acquisito la Denominazione di origine protetta. «Proporremo la ricetta a Casa Arrigoni di Peghera di Taleggio (azienda che vende Strachitunt Dop, ndr) – dice Giuseppina Arzuffi, vicepreside dell’Alberghiero –. Potrà utilizzarlo come strumento di promozione nelle fiere o in altre occasioni». E, dal presidente del Consorzio di tutela dello Strachitunt, Alvaro Ravasio, arriva il placet all’iniziativa, considerata anche questa come un’opportunità per far decollare il formaggio più amato dallo chef Gianfranco Vissani. Gli ingredienti del nuovo gelato? Lo Strachitunt fuso rappresenta circa il 30%, ci sono poi mascarpone, panna, ma anche pere (di Camerata Cornello) caramellate con spumante, e aceto balsamico. Per il risultato finale non viene impiegato nessun preparato, di quelli, invece, generalmente utilizzati come base dalla maggior parte dei gelatieri. Un mix perfetto secondo gli ideatori ma pure per la qualificata giuria del concorso dei gelatieri orobici, che gli ha attribuito la quarta posizione assoluta. Un gusto, dice almeno chi l’ha provato, che in realtà non dovrebbe far storcere naso – o palato – a chi non ama troppo i formaggi dal sapore «forte», i cosiddetti erborinati, tipo Gorgonzola, di cui lo Strachitunt è considerato illustre progenitore. Studenti e insegnante, peraltro, non si sono limitati a realizzare il gelato e a partecipare al concorso (peraltro con tutte le difficoltà e tutti gli svantaggi del caso rispetto ai gelatieri professionisti), visto che hanno già pensato all’eventuale abbinamento. «È ottimo per accompa- Luca Sivelli di Gessate e Alberto Suardi di Treviolo, autori col professore Carlo Calvetti del gelato allo Strachitunt gnare altri formaggi, naturalmente – dicono – ma oltre che come dessert o per degustare degli spiedini di frutta, potrebbe fare da antipasto». Nell’attesa che il gelato sbarchi nelle fiere – e magari in qualche gelateria della valle, anche se per ora la formula resta abbastanza segreta – sarà presentato ufficialmente la sera del 9 aprile alla scuola alberghiera, in occasione del concorso organizzato dal Comprensorio venatorio alpino sul camoscio in cucina. Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog: Condividilo sulla tua bacheca su Facebook, sulla tua rete di contatti Twitter o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google, Linkedin, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

Fonte: ilmondodeidolci.blogspot.it

Questi ravioli appena li ho visti su sale & pepe di qualche mese fa li ho dovuti fare subito, a volte capita, che appena vedi delle ricette ti innamori e al classico colpo di fulmine tu che fai? Tra l'altro poi ho visto in tv Vissani che non mi ricordo dov'era forse in trentino li chiamava casunzei ma era proprio la stessa e identica ricetta di questa qua. ingredienti: per la pasta: 300 gr di farina 3 uova sale per il ripieno: 150 gr di patate lesse 400 gr di barbabietole cotte al vapore pangrattato cannella noce moscata 2 cucchiai di semi di papavero burro formaggio stagionato da grattugiare sale Per prima cosa impastare la farina con le uova e 1 pizzico di sale; lavoratela fino a renderla morbida e liscia, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare 1ora. Schiacciate le patate lesse, sbucciate le barbabietole, tritalele al mixer e impastatele con le patate, aggiungendo 1 pizzico di cannella e di noce moscata. Per rendere piu' sodo il ripieno, tostate in padella 2 cucchiai di pan grattato con una noce di burro e unitevelo. Stendete la pasta, ritagliate dei dischi e mettete il ripieno, chiudere i ravioli pizzicando con le mani per far uscire l'aria. Cuocete i ravioli in abbondante acqua bollente salata, scolateli e conditeli con burro fuso leggermente dorato e i semi di papavero con il formaggio stagionato grattugiato.

Fonte: unastellatraifornelli.blogspot.it

Il mio primo approccio coi sapori della cucina sarda è stato un paio di anni fa, con lo chef Roberto Serra, al ristorante ‘Su Carduleu’ di Abbasanta (Oristano), mi è stato consigliato dalla chef Antonella Rossi, una cara amica, e da allora ci sono tornata ogni volta che sono tornata in Sardegna (le foto sono relative alle varie visite, e fatte solo col telefonino… ) Al “Su Carduleu” (presente anche su tutte le maggiori guide del settore) la cucina è " Sentimento, mai ricetta. Le cose buone non nascono da una ricetta, ma da un pensiero ." Così ama parlare della sua offerta ristorativa lo Chef Roberto Serra, passato in breve dall’essere giovane promessa ad essere certezza della cucina sarda Una cucina, quella di Roberto, che regala intense emozioni, con moderne tecniche di cottura ma sempre rispettosa del territorio e dei sapori tramandati, emblema dell’amore e il rispetto che nutre verso la sua isola, terra maliarda e di antichissime tradizioni, dalla natura lussureggiante, spiagge e scogliere selvagge e incontaminate e dalle acque cristalline. Formatosi nella scuola alberghiera di Arzachena, con successivi stage nei grandi alberghi della Costa Smeralda, all'Harry's Bar a Londra, in Svizzera e nelle brigate di Barbieri e Vissani, Roberto si colloca a pieno titolo tra i grandi chef sardi, con Su Carduleu, il piccolo ristorante di famiglia che lui ha riaperto alcuni anni fa (e riammodernato di recente, pur mantenendo lo stile semplice dei piccoli ristoranti di provincia) da qualche anno ad Abbasanta, piccolo comune dell’oristanese sull’omonimo altopiano. Pur essendo circondata dal mare, la cucina della Sardegna è tradizionalmente costituita da proposte di carne ma al Su Carduleo che dista 30/40 minuti dal mare, è possibile gustare anche eccellenti proposte di pesce. Per i due differenti percorsi gastronomici, entrambi consigliatissimi, è bene affidarsi ai piatti del giorno e alla creatività di Roberto, che spesso serve personalmente a tavola, intrattenendosi con i suoi ospiti raccontando la sua terra attraverso ingredienti, profumi e sapori che le stagioni di volta in volta regalano. Stuzzicanti gli antipasti, le panadine e i sottoli del percorso di carne, deliziosi i crudi del percorso di pesce (gamberi rossi, ostriche, carpacci di orata…; dello stesso percorso i tagliolini freschi al ragù di mare e l’ombrina appena scottata accompagnata da verdurine di stagione, tanto per citare alcune delizie). Interessante la selezione di pani sardi, il carasau, il pistoccu, il civraxiu spesso accompagnati da olio extravergine bio e un assortimento di sali. Roberto ama particolarmente la pasta fresca, che prepara con semole sarde, e si accompagna degnamente a ragù di pesce o sughi di carne, ma se preferite un buon risotto, non sarete delusi: in Sardegna, tra Cagliari e Oristano si produce anche dell’ottimo riso, con cui Roberto elabora le sue ricette, tra cui dei gustosi arancini al formaggio, piccole ghiottonerie che potrete gustare con l’aperitivo. Anche se amate i formaggi non resterete delusi, Roberto vi propone un’ottima selezione di formaggi sardi: casizolu, pecorino, ricotta mustia… Per il dolce, assolutamente consigliata la spuma di mascarpone con mostaccioli di Oristano bagnati nel caffè e un crumble al cacao…un tiramisù rivisitato di cui vorrete fare il bis! Al Su Carduleo anche il momento del caffè è particolare, è infatti accompagnato con zucchero dalle Filippine aromatizzato alla liquirizia, dall'Ecuador, aromatizzato al miele e zucchero italiano: avete la scelta tra quello che v’incuriosisce o che preferite… Carta dei vini prevalentemente sardi. Dopo pranzo, o anche prima, approfittate per fare un salto nei dintorni: A circa 5 minuti, lungo statale 131, uno dei più importanti complessi nuragici della Sardegna: il nuraghe Losa, un nuraghe complesso per la sua struttura a bastioni e dalla cui torre troncoconica centrale l’occhio si perde nello stupendo panorama campestre dell’altopiano di Abbasanta (orario visite: periodo estivo: dalle ore 9:00 al tramonto, su richiesta anche visite notturne; periodo invernale: dalle ore 8:00 alle ore 18.30). Nei dintorni, a poco meno di 30 minuti anche il Lago Omodeo, il più grande lago artificiale della Sardegna tra flora e fauna di grande fascino ambientale e quello che resta della foresta fossile, la diga che l’ha originato è stata inaugurata nel 1924. La creazione del bacino artificiale determinò la sommersione di alcuni siti archeologici e del piccolo villaggio di Zuri, che venne successivamente riedificato sull’altopiano poco distante dal lago, compresa l'antica chiesa del villaggio (della fine del 1200), dedicata a San Pietro Apostolo che venne smontata blocco per blocco e ricostruita dove sorge attualmente. Anche Le Terme di Fordongianus, si raggiungono in circa 25 minuti da Abbasanta. Le terme, con sorgenti ipertermali (le acque sgorgano alla temperatura di 55 ) e con il complesso archeologico di epoca romana, sorgono lungo il Tirso. In alcuni punti ci sono piscine naturali dove l’acqua fredda si mescola a quella calda e si può fare il bagno liberamente, tra una natura lussureggiante e incontaminata. Ancora, a circa 30 minuti a sud, nel golfo di Oristano Cabras, con le splendide spiagge, tra cui ‘Is Arutas’, famosa per essere costituita da granelli di quarzo simili a chicchi di riso il mare cristallino, il villaggio di San Salvatore di Sinis, già set di ‘western all’Italiana’ negli anni ‘70 e la penisola del Sinis, dai panorami mozzafiato e con i resti del suggestivo insediamento della città di Tharros, un autentico museo all’aperto in riva al mare. E sempre in provincia di Oristano, a Bosa , un altro indirizzo di gusto! qui tutte le foto! Su Carduleu Via Sant' Agostino n°1 09071 Abbasanta (OR), Tel: 0785563134 - 3458342224 [email protected] http://www.sucarduleu.it/

Fonte: maisonmilady.blogspot.it

Ricette999 is a recipe search engine that find recipes with advanced filters like ingredients, categories and keywords.
Ricette999 does not host recipes, only links to other sites. | FAQ | Privacy
Copyright 2019 ® - Contatti