crema pasticcera con due uova | lumaconi ripieni misya | amrenas onde comprar | ricette arrosto bi | ricette999.it | ossobuco di carne misya | arista di maiale con cipolle | ariete gran gelato ricettario
Login

Accedi per ricette999 per salvare le tue ricette preferite

Se non sei ancora registrato, registrati ora!

Password Dimenticata?

Scopri su www.prometeoenergia.it tutto il gusto del "Made in Marche" con le ricette esclusive di Moreno Cedroni e ricorda che anche il gas e l'energia elettr...

Expo 2015 si è chiuso ed io, che mi ero ripromessa di visitarlo più volte, ho avuto problemi che mi hanno impedito di realizzare il mio progetto. Difficoltà che ho potuto considerare superate solo ad ottobre quando l'Area era ormai presa d'assalto da una marea di visitatori desiderosi di non perdersi questa opportunità. Se da un lato ero animata dalla "curiosità" di conoscere le specificità degli altri Paesi con riguardo al cibo, dall'altro intendevo comprendere il senso di una manifestazione di tal genere. La prima visita mi è stata utile per conoscere il "sito" e capire come fosse logisticamente organizzato Ma la vera svolta nella comprensione di Expo è avvenuta il 14 ottobre. In quella data, prima di accedere al padiglione CIBUS per un evento offertomi da DHL, ho avuto la possibilità di visitare il Biodiversity Park, Area Tematica di Expo Milano 2015 dedicata alla biodiversità. Nel prendere visione dei filmati previsti nel percorso, mi è tornata alla mente l'emozione vissuta ad ottobre 2014 quando avevo visto concretizzarsi la sinergia realizzatasi tra Slow Food e DHL per l'allestimento del Padiglione Terra Nostra all'interno del Salone del Gusto : cura e passione avevano animato il trasporto svolto da DHL non solo di sementi ma anche di prodotti freschi nati dal lavoro di contadini e piccoli produttori viventi in zone estreme dell'Asia e dell'Africa, nel desiderio di farne conoscere la specificità ad una società industrializzata come quella nella quale viviamo. Con la visita ad Expo, ho capito il significato dell'espressione "Nutrire il pianeta". Solo avendo grande cura della terra che abitiamo, avremo la possibilità di dare concretezza al diritto al cibo sano, sufficiente e nutriente che spetta ad ogni uomo. Un diritto fondamentale che può realizzarsi solo se vi sarà l'impegno a cessare ogni sfruttamento intensivo della terra, rendendole la possibilità di produrre ciò che le è specifico in quella determinata zona e creando le condizioni affinchè i campi situati nelle zone più sperdute del mondo possano essere irrigati in maniera equilibrata senza essere colpiti dalla bruciante siccità o da devastanti inondazioni. Solo diversificando le coltivazioni e recuperando la specificità di semenze che rischiano l'estinzione potremo davvero restituire alla terra la sua forza per nutrire tanto il Pianeta quanto la popolazione che lo abita, nel rispetto del clima, dell'assetto idrogeologico e delle proprietà organiche di ogni suolo. La Carta di Milano che potete leggere qui , proprio a questo si riferisce. E giunta a questo punto credo meriti una sottolineatura il grande dono che ha ricevuto l'Italia sin dalla creazione del mondo. La sua magnifica storia culturale, sociale, umana e ...culinaria affondano le proprie radici nel clima. L'Italia è uno dei pochi paesi al mondo che conosce davvero le quattro stagioni (e Vivaldi non avrebbe potuto comporre ciò che ha composto, se non fosse nato in Italia). Avere quattro stagioni, con l'equilibrio tipico della latitudine alla quale viviamo, ci ha permesso di sviluppare la creatività in moltissimi campi dello scibile umano e di essere quelli che siamo anche dal punto di vista dell'arte e della letteratura. A maggior ragione il nostro clima ci ha consentito di costruire una storia della cucina che nessun altro può permettersi. Abbiamo tra le mani un potenziale che potremmo far fiorire solo mettendoci a riflettere un attimo.... Da quella visita, io sono un'italiana più convinta che mai. Anzi, ho anche deciso di....smettere di lamentarmi del freddo: primavera, estate, autunno ed inverno come li abbiamo noi, sono esattamente la radice della nostra forza. Forse questa foto....di un cibo semplicissimo come le patate aiuta a comprendere cosa si intenda per biodiversità in Italia e nel mondo Ecco...la biodiversità riguarda ogni genere di semente. Quel 14 ottobre, colta da cotanta "illuminazione" ed invitata da DHL ho avuto l'opportunità di partecipare ad una sfida culinaria tra squadre di foodblogger sotto la guida di Moreno Cedroni, chef patron dei locali Madonnina del pescatore di Senigallia, il Clandestino di Portonovo e di Anikò sempre a Senigallia. Cedroni ha proposto alcuni piatti per la realizzazione dei quali, nel nostro ruolo di sfidanti, abbiamo dovuto sviluppare alcune componenti secondo le sue indicazioni. Qui potete godervi il video della serata :-) Poichè mi piace cucinare ma, non essendolo, non amo affatto darmi arie da professionista della cucina, vi proporrò una ricettina semplicissima. Un purè al lime. Sembra non particolarmente appagante l'abbinamento tra un filetto di pesce ed un purè di patate, ma la "sapienza" autentica sta nel saperne equilibrare i sapori ed allora anche un purè diventa un accompagnamento per creare un secondo piatto elegante ed equilibrato Carpaccio tiepido di orata, purè al lime, salsa rucola Sfilettate 500 g di orate togliendo le spine centrali e ricavatene fette sottili. Disponetele a cerchio sopra un foglio di carta da forno . Per il salmoriglio tritate 6 g di rosmarino ed unitelo a 100 g di olio extravergine, 20 g d’acqua, 2 g di succo di limone . Per il pure al lime 500 g di patate 40 g di olio extravergine di oliva 200 ml di latte sale lime cuocete le patate avvolte con la pellicola 7/8 minuti nel microonde, quindi sbucciatele e passatele nel passapatate, raccogliendole in un recipiente che vi consenta di amalgamare gi successivi ingredienti aiutandovi con una frusta. Unite l'olio extravergine e, a seguire, il latte tiepido sino ad ottenere la consistenza desiderata. Regolare di sale e grattate in maniera equilibrata le zeste di un lime. Per la salsa rucola, sbollentate 20 g di rucola poi aggiungete nel frullatore 50 g d’acqua 20 g di olio extravergine ed un pizzico di sale: frullate e passate al setaccio. Infornate il pesce a 180° per un paio di minuti, rovesciate sul piatto, aggiungete il salmoriglio, il purè al centro e la salsa di rucola intorno. .

Fonte: secucinosorrido.blogspot.it

Avete mica per caso notato che ultimamente mi è presa con le arance? Prima il riso Venere , poi le arance condite , ed ancora i fusilli integrali ...... I motivi sono molteplici: si tratta di frutta rigorosamente di stagione, si sposano con il dolce e con il salato, sono capaci di dare un aroma particolare anche a preparazioni molto semplici, sono sane e salutari......se non vi bastasse tutto ciò un incoraggiamento ulteriore in tal senso mi è arrivato da " La Cucina Italiana " , che ha lanciato una nuova, importante iniziativa: una collaborazione tra la rivista, lo chef Moreno Cedroni ( QUI potete scaricare le sue Ricette della Salute), i suoi Special Ambassadors (di cui sono onorata di fare parte!), e l'AIRC , a sostegno della campagna " Le arance della salute " . Come ormai da diversi anni, s abato 26 gennaio torna nelle piazze italiane l’appuntamento con le Arance della Salute. Con un contributo di 9 euro sarà possibile acquistare una cassetta da due chili e mezzo di arance rosse di Sicilia e un numero speciale della rivista dell'associazione, con i consigli e le ricette per una sana e gustosa alimentazione. Ecco quindi un altro piatto che vede protagonista l'arancia, ancora una volta sposata ai sapori del mare, a dar vita ad un risotto cremoso ed aromatico. Tempo di preparazione: 30 minuti Ingredienti per 2 persone: 200 gr. di riso Carnaroli un'arancia non trattata mezza cipolla piccola 20 gr. di burro 1/2 bicchiere di vino bianco secco brodo vegetale un piccolo trancio di bottarga (io di cefalo della Cooperativa dei Pescatori di Orbetello ) erba cipollina per guarnire (io, purtroppo, ho dovuto usare quella secca) sale e pepe q.b. In una casseruola far imbiondire la cipollina tritata con 10 gr. di burro. Unire il riso e lasciarlo tostare un paio di minuti. Sfumare con il vino bianco, lasciare evaporare e portare a cinque minuti dalla fine della cottura allungando con del brodo vegetale caldo e mescolando spesso. Cinque minuti prima della fine della cottura prevista, unire il succo filtrato di un'arancia, aggiustare se necessario di sale e finire di cuocere. Prima di servire, mantecare coni rimanenti 10 gr. di burro. Servire completando con la bottarga grattugiata al momento, con l'erba cipollina sminuzzata e, a piacere, con del pepe macinato al momento. E ricordatevi il 26 gennaio di andarvi a comprare le vostre Arance della Salute!

Fonte: thedreamingseed.blogspot.it

La ricetta di oggi l’ho tratta dal libro Caffè in cucina a cura di Debora Bionda e Carlo Vischi ricevuto grazie alla vincita del contest di Cinzia ed Elena : Tutti i sapori del caffè , nella sezione ricette salate con i Ravioli di sfoglia al caffè ripieni di zucca . Il libro Caffè in cucina nasce da un progetto editoriale di Lavazza con l’editore Gribaudo, curato da due esperti di gastronomia Debora Bionda e Carlo Vischi ed ha la prefazione firmata dallo chef catalano Ferran Adrià. Nel libro si possono trovare curiosità sulla scoperta, sull’origine del caffè fino alle quarantotto ricette proposte da ventiquattro chef italiani e non, solo per citare alcuni nomi: Massimo Bottura, Davide Scabin, Igles Corelli, Moreno Cedroni. Le ricette sono corredate dagli abbinamenti dei vini, da pensieri e ricordi legati al caffè, oltre che da belle foto dei piatti. Mi sono cimentata - è doveroso dire in punta di piedi - con una ricetta salata di Moreno Cedroni: Totani con finocchi, fonduta e polvere di caffè. Appena l’ho letta mi ha incuriosito l’abbinamento della fonduta e della polvere di caffè ai totani e ai finocchi; provandola, ho constato che hanno dato al piatto oltre a due note di colore anche un sapore e profumo molto gradevole. Non c’erano dubbi! Ricetta di Moreno Cedroni tratta da Caffè in cucina a cura di Debora Bionda e Carlo Vischi, Gribaudo, 2007 Ingredienti: 200 g di totani 300 g di finocchi 5 g di zucchero 5 g di soia 5 g di olio extra vergine di oliva caffè in polvere sale Per la fonduta: 50 g di fontina 1 dl di latte 1 tuorlo Preparazione: Si puliscono i totani e si tagliano a julienne. Si lavano i finocchi e si tagliano a fettine, si fanno sbollentarli per 10 secondi, si sgocciolano e si lasciano raffreddare. Si mettono in bicchiere del frullatore 200 g di finocchi con l'acqua, lo zucchero, e un pizzico di sale. Una volta frullato, si passa al setaccio la purea ottenuta. Si condiscono i rimanenti finocchi (100 g) con la soia e l'olio extravergine di oliva. Per la fonduta si taglia la fontina a dadini e si mette a bagnomaria con il latte. Quando il formaggio sarà sciolto si aggiunge il tuorlo e si amalgama. Si continua la cottura fino a raggiungere la temperatura di 85° C (Io non avendo il termometro, l'ho cotta fino a che non si è addensata un po'). Al termine della cottura si filtra ad un setaccio fine (io non l’ho filtrata) e si lascia raffreddare. In una padella antiaderente calda si scottano i totani, si salano e si aggiungono ai finocchi. Su un piatto si fa con un cucchiaio una striscia di fonduta e una striscia di salsa ai finocchi, nel centro si sistemano dei mucchietti di totani e finocchi. Infine si spolverizza il piatto con caffè in polvere. Ringrazio di cuore Cinzia ed Elena.

Fonte: sciroppodimirtilliepiccoliequilibri.blogspot.it

Finalmente! Ha aperto ieri Identità New York con la sua prima lezione, Cesare Battisti, del Ratanà di Milano, e Mario Batali , riflessioni e pensieri sulla pasta italiana. A seguire Dave Pasternack , pescatore da sempre e chef di Esca da un lustro, e Moreno Cedroni col merluzzo nelle sue varie forme. Questo il programma della giornata odierna, Sabato 5 ore 12.00-13.00: Daniel Boulud e Massimo Bottura , l'uovo ore 16.00-17.00: Sara Jenkins e Mauro Uliassi , il pomodoro Con la cena presso la Birreria curata da : Benvenuto: Cesare Battisti Antipasto: Lidia Bastianich e Fortunato Nicotra Primo: Massimo Bottura Secondo di pesce: Moreno Cedroni Secondo di carne: Viviana Varese Dolce: Katia Delogu Il primo resoconto di Paolo Marchi su Identità Golose.

Fonte: lacucinaeconomica.blogspot.it

La colazione di Capodanno Ripartire di slancio dopo i bagordi con una ricetta presentata in due versioni: energy e junk food La Colazione dello sciatore preparata da Federico Zanasi , chef modenese che si divide in inverno tra l'hotel Principe delle Nevi di Cervinia (Aosta) e in estate al Clandestino di Moreno Cedroni a Portonovo (Ancona) Come riprendersi dai bagordi del Capodanno? Con una supercolazione, che potete fare in due modi. La prima è la colazione dello sciatore , un’opzione energy , più elaborata che trovate in hotel da noi a Cervinia, per tipi che hanno voglia di rimettersi subito in pista. La seconda è un’opzione più semplice, più junk food : è per quelli che si svegliano a casa e vogliono usare creativamente ingredienti che si trovano in quasi ogni dispensa. O reperibili facilmente al supermercato. Buon risveglio. RICETTA 1 La colazione dello sciatore (hotel) per il croccante 100 g burro 110 g zucchero di canna 115 g farina di mandorle 100g farina tipo “00” 40 g nocciole tritate 10 g yogurt in polvere 1 buccia d’arancia Mettere tutti gli ingredienti - tranne yogurt e arancia - in planetaria e formare un panetto. Congelare, grattugiare e cuocere a 150°C per 12 minuti. Fuori dal forno, spolverare con buccia d’arancia e yogurt in polvere. per le carote 100 g sciroppo 30°b 2 carote tagliate a cubetti 1 bacca di vaniglia Bollire lo sciroppo con la vaniglia, spegnere il fuoco e lasciare raffreddare. per il cremoso al lime 200 g latte intero 8 g glucosio 8 g gelatina 400 g panna fresca 35% M.G. 380 g cioccolato bianco Sciogliere il cioccolato a 45°C e aggiungere il glucosio. Portare il latte a ebollizione, aggiungere la gelatina. Versare poco alla volta sul cioccolato in modo da ottenere una consistenza elastica e brillante. Aggiungere la panna liquida e fredda. Mescolare per qualche secondo e lasciar cristallizzare per una notte in frigorifero a 5°C. Grattugiare la buccia di un lime. per il gelato al latte di montagna 250 g latte 250 g panna 35% M.G. 125 g di zucchero 5 g zucchero invertito 10 g glucosio 1 g farina di carrube Portare il latte e la panna a 45°C, aggiungere zuccheri e stabilizzante. Portare tutto a 85°C, raffreddare e far riposare in frigo 12 ore e poi mantecare. È importante rispettare il volume e la capacità della turbina. per il succo Energy 1 kg carote con estremità verde 2 arance con la buccia 2 limoni 100 g sciroppo 30° baumè Centrifugare e passare lo sciroppo al setaccio, aggiungere lo sciroppo e conservare in frigorifero. per la crema di nocciole 200 g nocciole tostate 40 g olio di semi 50 g zucchero semolato Frullare al minipimer e conservare in un sac-à-poche. per la torta di carote 500 g carote grattugiate 500 g mandorle in farina 100 g farina 100 g farina 00 450 g zucchero 250 g tuorli 350 g albume a neve Succo e scorza grattugiata di due limoni Granella di mandorle per le tortiere Imburrare bene delle tortiere con bordo alto cm 2, 5-3 e farvi aderire della granella di mandorle fine. A parte, sbattere bene i rossi d’uovo con metà dello zucchero, quindi miscelare le carote grattugiate, il succo e la scorza grattugiata dei due limoni, le mandorle ridotte in farina, la fecola e la farina setacciate assieme e per ultimi gli albumi montati a neve ferma con l’altra metà dello zucchero. Versare nelle tortiere riempiendo a tre quarti e cuocere a 180°C per 25 minuti. Presentazione Adagiare nel piatto un cucchiaio di yogurt, coprire per metà col croccante di nocciole e alcuni cubi di torta di carote, sistemare il cremoso e adagiarvi l’insalata di arance e carote sopra, fare 3 piccoli spuntoni di crema alle nocciole e completare col gelato al latte. Servire con il succo Energy. RICETTA 2 La Colazione junk food (casalinga) per il croccante Un pacchetto di biscotti Digestive che triteremo con un mortaio, batticarne, mattarello, bottiglia vuota. 30 g nocciole tritate 1 grattata di buccia d’arancia per le carote Grattugiare finemente una carota e condirla con sciroppo di zucchero di canna (se si guarda bene, soprattutto dopo le feste, se ne trova sempre una bottiglia iniziata). per il cremoso al lime Prendere un Müller al cioccolato bianco e grattugiarci sopra un po’ di lime. per il gelato al latte di montagna Una confezione di Häagen-Dazs (o la marca che preferite) alla vaniglia. per il succo Energy Succo Ace della vostra marca preferita per la crema di nocciole Nutella. per la torta di carote Plum cake alla carota, Camille del Mulino Bianco, Magdalen alla carota... Presentazione Dopo aver svuotato la dispensa, assembliamo i nostri acquisti in una capiente ciotola con le stesse modalità del primo dessert. Federico Zanasi, modenese, già sous-chef di Moreno Cedroni , si divide d'inverno tra il Principe delle Nevi di Cervinia (Aosta) e d'estate al Clandestino a Portonovo (Ancona) credit/ideantitagolose.it da identitagolose.it 31-12-2012

Fonte: lacucinaeconomica.blogspot.it

Finalmente ho provato la salsa lamponi e zenzero di Moreno Cedroni.....innanzitutto voglio ringraziare per tutti i suggerimenti ricevuti da parte vostra, alcuni dei vostri abbinamenti erano più o meno quelli che avevo pensato anch'io....ma quanto ci sbagliavamo! Risolutiva è stata Alex , che è risalita al sito di Moreno Cedroni ....ragazzi, io non ci avevo proprio pensato! Ho quindi scoperto che gli abbinamenti sono con: tonno crudo , pesce spada crudo , pesci e carni affumicate , uova bollite ...... Tra l'altro sul sito c'è anche una ricetta , che io ho subito provato....eccola! Per 4 persone Per le uova: scaldare una padella antiaderente, se di diametro di 25 cm ci stanno tutte e 4. Quando ben calda abbassare la fiamma, rompere le uova e farle delicatamente atterrare sul piano della padella. Si noterà che la chiara inizierà a rapprendersi e di conseguenza diventare bianca. Nel momento in cui il tiorlo comincia a scaldarsi, coprire la padella per pochi minuti fino a quando il rosso inizierà a cambiare colore. Raffreddare velocemente. Per il tonno affumicato: affettarlo sottile (ho usato quello già affettato...più pratico!) Panino (io ho usato delle fette di pane trentino comprato ai semi di girasole comprato domenico ad una fiera) : renderlo fragrante e adagiare sulla parte inferiore delle foglie di insalata tenere tipo lollo (io non avendo l'insalata ho usato dei pomodorini) . ricoprire di fette di tonno, porvi sopra l'uovo con un pizzico di sale nella parte bianca (e una macinata di pepe) , irrorando con la salsa di lamponi e zenzero e dell'olio extravergine di oliva. Coprire quindi con l'altra metà del panino. Che dire: un gran panino davvero mitico, una grande armonia di sapori!! Veniamo alla salsa: il sapore prevalente è senza dubbio la senape ma sul finale prevalgono le note di lampone (lo zenzero quasi non si sente, o per lo meno, io non lo sento) è morbida e vellutata....una vera delizia! Assaggiandola mi sono resa conto che l'idea di abbinarla a dei formaggi è da scartare....non legherebbe proprio, però con della carne semplicemente cotta sulla griglia la voglio provare! Se vi capita questa salsa tra le mani non fatevela scappare....è assolutamente da provare! Il panino ce lo siamo pappati sorseggiando un Prosecco di Valdobbiadene di Gancia, comprato sempre domenica (la fiera era a Canelli - Asti - dove si trova la ditta Gancia, di cui abbiamo visitato le cantine.....e svuotato l'enoteca!!!!!!) ********************* Aggornamento: la salsa l'ho provata anche così, semplicemente sulle uova sode....DIVINA!!!

Fonte: curiosandoincucina.blogspot.it

Un piatto semplice ma molto gustoso.....procediamo. Per 2 persone: 140 gr di maccheroni (o paccheri o quello che volete) cima di rapa (non so proprio dirvi quanto pesasse....diciamo che poteva essere un quarto di un cespo intero) 100 gr di salsiccia piccante sale Pulite, lavate tagliate le cime di rapa e fatele scottare per 10 minuti in acqua salata. Nel frattempo sgranate la salsiccia e mettetela a rosolare in una padella antiaderente (non è necessario aggiungere olio). Far cuocere per una decina di minuti, quindi aggiungere la cima e lasciar insaporire. Se necessario aggiustare di sale: direi che se usate la salsisccia piccante non dovrebbe essere necessario pepare (a meno che amiate i sapori moooolto piccanti), se la salsiccia è dolce a voi la scelta. Nel frattempo nella stessa acqua della cima fate cuocere la pasta. Una volta giunta a cottura trasferite la pasta con un pò di acqua di cottura nella padella del condimento e fate saltare qualche minuto per insaporire. Buon appetito! **************************** Ho bisogno un consiglio da voi? Secondo voi qual è il modo migliore per utilizzare una salsa di lamponi e zenzero....nei cui ingredienti sono presenti: olio evo, aceto di lamponi, lamponi, zenzero, senape? Io ho già in mente una cosa, ma vorrei qualche suggerimento da voi perchè siccome penso proprio sia una squisitezza (è di Moreno Cedroni) mi spiacerebbe proprio sprecarla! Graaaaaaazie!!!!!

Fonte: curiosandoincucina.blogspot.it

Ho pulito e lavato le alici e le ho fatte riposare a strati con poco salgemma integrale aromatizzato alle erbe. Al centro del piatto c'è una fettina di pane con sarda in saòr-fra e alici ho trovato anche una sarda (sarda sfilettata, infarinata e fritta in olio extravergine, dove poi ho fatto appassire due scalogni, bagnati poi con aceto balsamico e portati a cottura dolcissimamente aggiungendo acqua q.b. (si devono disfare); immancabile-per me- la guarnizione con due chicchi di uvetta ed un pinolo); alle ore 12 si vede un "alicino" (=panino di alici) ripieno di ricotta di pecora aromatizzata con menta e maggiorana. Procediamo poi in senso orario per trovare: rotolini alici-peperone grigliato e cappero di Pantelleria; pane, burro e alici (grazie a " La Ballera "); alici marinate di Cedroni (grazie a " Gourmet "); rotolini di alici e prosciutto di Parma. Tutte le alici sono rigorosamente CRUDE (e qui si conferma la fiducia nel pescivendolo).

Fonte: venereincucina.blogspot.com

Ieri 11 febbraio 2017 ha avuto inizio la fiera Cucinare per piacere, per mestiere a Pordenone . Una prima giornata con tanto pubblico alla Fiera di Pordenone per l’apertura di Cucinare, Salone dell’enogastronomia e delle tecnologie per la cucina che sarà visitabile fino a martedì 14 febbraio. Durante l’inaugurazione , si sono alternati sul palco ospiti speciali, istituzioni, rappresentanti del mondo imprenditoriale regionale (industria, agroalimentare, commercio),definiti dall’art director Fabrizio Nonis : vero "orgoglio friulano". Renato Pujatti , Presidente di Pordenone Fiere; Cristina Amirante , Assessore all'Urbanistica del Comune di Pordenone; Giovanni Pavan , Presidente della Camera di Commercio di Pordenone , Pietro Fontanini presidente della provincia di Udine . Chiara Mio , Presidente di Banca Crédit Agricole Friuladria; Dino Bomben , Vicepresidente di Coop Alleanza 3.0; Gilberto Zaina di Acqua Dolomia; E’ salito poi sul palco Lino Stoppani arrivato da Milano , presidente dell’Associazione dei pubblici eserciz i, e ci ha ricordato l’importanza e il valore della nostra ristorazione . “ La ristorazione è il secondo motivo per cui il turista straniero sceglie l’Italia ed è il primo motivo per cui ci ritorna .” Si è passati poi alla premiazione del trio di giovani chef , Luca Abbadir , Chiara Canzonieri e Michel Basaldella , insigniti del PREMIO Crédit Agricole/Friuladria . da Pietro Piccinetti, AD di Pordenone Fiere, Ariedo Bront, Vicepresidente del Consorzio Montasio, e Paolo Stefanelli, Direttore Generale ERSA. E’ stata la volta poi di rappresentanti istituzionali, Cristiano Shaurli , Assessore regionale alle risorse agricole e forestali, e Sergio Bolzonello , Vice Presidente della Regione Friuli Venezia , che hanno anticipato l’ingresso sul palco dei due chef stellati friulani : Andrea Canton ed Emanuele Scarello , ambasciatori della cucina friulana nel mondo. I due chef ci hanno spiegato l’importanza delle materie prime in cucina e il rispetto che noi tutti dobbiamo ai produttori delle nostre eccellenze . I due chef ci hanno inoltre insegnato una grande lezione di vita : i cuochi non devono inseguire le stelle Michelin , ma cucinare solo per la soddisfazione del cliente che siede al loro tavolo . Lo chef Andrea Canton ha preparato in diretta la ricetta di un toast di gamberi , abbinato ad un burro con sentori di tartufo e spinacino Lo chef Emanuele Scarello invece ci ha presentato una assoluta novità : gli gnocchi in vasocottura . Una zuppa di olive friulane , gli gnocchi una crema di baccalà dissalato , abbinato ad una polvere di peperoni cruschi .Due piatti di grande interesse , con alla base una grande ricerca per la combinazione e l’abbinamento degli ingredienti . l trio di giovani chef Luca Abbadir , Chiara Canzoneri e Michel Basaldella incanta ed emoziona all'Arena Crédit Agricole Friuladria del Padiglione 8. Appena premiati sul palco della STARS COOKING ARENA del Padiglione 7, hanno presentato tre piatti straordinari, che valorizzano le materie prime della regione Friuli Venezia Giulia: Luca Abbadir , originario di Mestre e che lavora nel team dello chef Moreno Cedroni , presenta Polpo, salsa verde, gelatina di pane all'aceto, radicchio rosso e maionese . Chiara Canzonieri , originaria di Caorle e trasferitasi poi a Gorizia , propone : carpaccio di cervo marinato a secco, frico di rosa, cren, cipolla caramellata e rosa di Gorizia . La ricordate certamente per aver partecipato alla trasmissione televisiva TOP CHEF . Michel Basaldella nato in Svizzera da genitori di origini avianesei valorizza anche nel titolo la provenienza dei suoi ingredienti: " Polenta salat e cavo servito con chips di formai vecio soflat". Una polenta di mais bianco perla , abbinata a del salame fresco ( non più di 8 giorni ) sgrassato , arricchito e del “cao” ( la panna fresca che affiora la mattina seguente dopo la mungitura ) ridotto nel tegame dove è stato fatto cuocere il salame e abbinato a della chips di montasio stravecchio . Un piatto che unisce tradizione e innovazione. Un grande applauso a Michel che ha donato il suo premio allo IAL Scuola Alberghiera di Aviano , scuola che lui aveva frequentato. Ci ha spiegato che con questo dono lui vuole far capire a tutti i giovani : tutti possono arrivare , basta impegnarsi . Un grande applauso a questi 3 giovani chef , tutte le ricette sono state eseguite in diretta con grande maestria , scegliere quella che più ho gradito più è difficile, ma seguendo le domande rivolte al pubblico a da Fabrizio Nonis devo scegliere la ricetta che più ho gradito e dare la mia preferenza a Chiara Canzonieri con il suo : carpaccio di cervo marinato a secco, frico di rosa, cren, cipolla caramellata e rosa di Gorizia . Perfetta la marinatura a secco del filetto di cervo . Tutti gli ingredienti che compongono il piatto assieme al filetto di cervo sono perfettamente bilanciati, dalla cipolla caramellata , la rosa di Gorizia cotta e cruda , il frico di patate e con quel tocco di crema di cren . Complimenti Chiara , un piatto da chef stellato . Share:

Fonte: danieladiocleziano.blogspot.it

Ricette999 is a recipe search engine that find recipes with advanced filters like ingredients, categories and keywords.
Ricette999 does not host recipes, only links to other sites. | FAQ | Privacy
Copyright 2019 ® - Contatti